La pulizia e manutenzione dei pannelli fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici non richiedono particolari attenzioni e hanno costi di gestione molto bassi. Nella maggior parte dei casi, alla pulizia dei pannelli provvede la pioggia.
Va inoltre aggiunto che attualmente molte ditte utilizzano pannelli trattati e definiti autopulenti. Questo è vero eccetto che in alcune circostanze dove pulire i pannelli fotovoltaici è fondamentale per non perdere l’efficienza energetica.

Lo sporco che si può accumulare sui pannelli dipende molto dalle circostanze: pulviscolo dovuto ad agenti atmosferici, smog, polline, fogliame e resine quando l’impianto si trova in prossimità di piante, salsedine se installato in prossimità del mare ed escrementi di uccelli possono gradualmente abbassare la ricettività dei pannelli.

È stato stimato che l’impatto della polvere che si accumula sulla superficie dei moduli fotovoltaici, soprattutto dopo periodi prolungati in assenza di pioggia e operazioni di lavaggio, crea una perdita giornaliera di energia che può arrivare a superare il 20% mentre quella annuale attorno al 4,4%.

Fondamentalmente bisognerebbe assicurarsi che l’impianto sia pulito soprattutto nel periodo estivo. In questo periodo, infatti, le ore di luce giornaliere consentono la massima produzione e a causa della mancanza di piogge, la polvere rischia di accumularsi sulla superficie. Se l’impianto è installato in una zona particolarmente calda e secca conviene programmare la pulizia.

La frequenza ottimale dei lavaggi deve essere valutata caso per caso. Un’impianto pulito tutto l’anno può aumentare l’energia prodotta in media di circa il 10%.

Alcune semplici regole per capire quando è necessario pulire il proprio impianto

  1. Tenere sempre sotto controllo il rendimento dei pannelli. Gli strumenti di monitoraggio consentono di controllare l’energia prodotta, l’irraggiamento e la temperatura. È bene controllarli costantemente così da agire prontamente qualora dovesse presentarsi un’anomalia.
    I proprietari di un impianto solare devono eseguire spesso dei controlli visivi per rilevare eventuali danni. Un pannello rotto potrebbe diminuire sensibilmente le performance elettriche dell’intero modulo.
  2. Come buona prassi per ogni strumento elettrico, è bene controllare la garanzia del prodotto e confrontare le reali performance con quelle garantite dal fabbricante dei pannelli.
  3. Periodicamente è consigliata la consulenza di un tecnico così da prevenire onerosi guasti.
  4. Da non dimenticare che vanno evitati assolutamente i detergenti domestici, sostanze pulenti particolarmente aggressive, diluenti e strumenti di pulizia per il lavaggio a pressione.
  5. Per chi vuole provvedere al lavaggio dell’impianto è possibile rivolgersi ad aziende specializzate nel valutare le specifiche situazioni. In tal caso, queste aziende possono anche unire tutte le altre attività di manutenzione ordinaria necessarie per tenere l’impianto efficiente e garantirne la sicurezza e la durata.
  6. Va anche detto che molte aziende installatrici d’impianti fotovoltaici offrono un pacchetto di pulizia annua unito a un’estensione di garanzia.